• GAL > Home
  • News
  • "Ciliegia Terre di Bari", presentazione alla stampa
  • “Ciliegia Terre di Bari”, presentazione alla stampa

    28/05/2012 – “La Ciliegia delle Terre di Bari”: battesimo 10 e lode per l’azione dei GAL uniti

    Conferenza stampa in Regione sul progetto “Ciliegia delle Terre di Bari. Dario Stefàno: “Con questo progetto, la ciliegia punto di forza del marchio Prodotti di Puglia e del brand regionale. Decisivo il ruolo dei Gal”.


    Debutto entusiastico per la “Ciliegia delle Terre di Bari” nella conferenza stampa di presentazione del progetto ideato da una rete di partner guidati dai Gruppi di Azione Locale.

    Per l’assessore Dario Stefàno, intervenuto alla conferenza, «con questo progetto anche la ciliegia si appresta a divenire un asse strategico del marchio “Prodotti di Puglia” contribuendo a sostenere complessivamente il lavoro dei produttori e l’attrattività della nostra regione. La Puglia –  ha continuato Stefàno – non può permettersi divisioni e contrapposizioni nelle politiche di promozione e di commercializzazione dei prodotti agroalimentari e del suo territorio rurale. Per aiutare il sistema produttivo locale e dialogare efficacemente con la rete della grande distribuzione è necessario lavorare in maniera compatta e fare massa critica su un progetto che partendo dalle risorse agroalimentari, sia capace di comunicare le eccellenze dell’intera regione anche in chiave turistica. Decisivi in questo progetto che opera esattamente in tale direzione, i gruppi di azione locale che quando si rendono protagonisti di iniziative concrete ed efficaci come queste, diventando traino ed esempio per le politiche di sviluppo del territorio».

    In linea con le considerazioni di Stefàno, gli interventi degli assessori provinciali Resta e Caputo che hanno sottolineato gli sforzi legati al progetto, evidenziando i risultati già ottenuti, in primis la capacità di aggregare tutti gli attori del comparto agricolo e creare occasioni concrete per produttori e territorio. La ciliegia, hanno ricordato Resta e Caputo, costituisce fortunatamente un prodotto non ancora “imitabile” sul quale è doveroso e opportuno continuare a puntare.

    In rappresentanza dei gruppi di azione locale, sono intervenuti Matteo Antonicelli, Direttore tecnico Gal Trulli e Barsento che ha evidenziato il valore aggiunto apportato dai Gal nelle politiche territoriali e Paolo de Leonardis direttore tecnico Gal Le Città di Castel del Monte, che ha ricordato anche le iniziative sull’educazione alimentare legate al progetto e la necessità di “replicare” la campagna per olio e vino, protagoniste del nostro paniere agroalimentari di eccellenza. Nadia Di Liddo del Gal Ponte Lama ha poi illustrato alla stampa i nodi della campagna informativa fondata su due pilastri strategici: la commercializzazione diretta della ciliegia e la promozione della “cultura del prodotto”. Già lusinghieri i risultati dell’attività di commercializzazione del prodotto in cinque regioni del centro e nord Italia a vantaggio dei produttori locali e della tutela della qualità per i consumatori.

    A chiudere la conferenza infine, il parere di due produttori Sergio Curci e Donato Fanelli che hanno confermato l’assoluta efficacia del progetto e il valore in termini economici e strategici per i produttori di ciliegie, primi protagonisti e artefici della buona riuscita dell’intera iniziativa.

     

    loghi